RIETI E LA PALLACANESTRO: UN LEGAME INDISSOLUBILE

di Luigi Ricci Rieti e la pallacanestro: un binomio che dura da decenni. Addirittura già da prima della seconda guerra mondiale. A Rieti, infatti, i primi vagiti della “pallalcesto” – divenuta poi pallacanestro e nei tempi moderni basketball, o più semplicemente basket – risalgono all’epoca di quell’esecrato ventennio che, tra le pochissime cose buone, predicò,…

Continua a leggere

LA MANO SINISTRA DI WILLIE

[estratto da Flavio Fosso, Luigi Ricci, Sebastiani Dream. Storie e personaggi della pallacanestro reatina in serie A, Rieti, Provincia di Rieti, 2004, pp. 58-59] Sojourner sbarcò a Fiumicino: grandissimo fisico, braccia smisurate, due badili al posto delle mani, ma una di queste, la sinistra, era vistosamente fasciata: “Un incidente con l’auto. No problem” spiegò a Gigi…

Continua a leggere

GIOVANNI CAVOLI E IL BASKET

Testimonianza raccolta da Andrea Scappa La passione per il basket nacque quando avevo 16 anni e frequentavo l’Istituto Geometri. Ho iniziato con la AMG Sebastiani Basket, giocavamo al campo scoperto di San Liberatore, dove ci allenavamo anche quando pioveva e nevicava. Ho iniziato con il professore Mario Barillari, che è stato il mio primo istruttore.…

Continua a leggere

DAI BANCHI AI TROFEI, 43 ANNI DI ATLETICA STUDENTESCA

di Daniele Scopigno Velocità e distanze, metro e cronometro. Sono alcuni elementi che costituiscono l’atletica, ma per far nascere una storia nuova, il 21 novembre 1975, è servita la passione. E una scissione non da poco. Per fondare l’Atletica Studentesca Reatina, poi “Studentesca Cariri”, quindi “Studentesca Andrea Milardi”, è servito abbandonare l’Atletica Rieti di Sandro…

Continua a leggere

IL CALCIO A RIETI. UNA STORIA NON AUTORIZZATA

di Egisto Fiori È difficile per chi ha vissuto l’infanzia nell’immediato dopoguerra o nei due decenni successivi, non ricordare le partite di pallone giocate con gli amici nel primo spiazzo disponibile. È altrettanto impossibile dimenticare le figurine dei giocatori, gli album da completare, lo scambio che doveva necessariamente tener conto del valore dei pezzi più rari.…

Continua a leggere

IL LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO DI RIETI

a cura di Andrea Scappa Abbiamo intervistato Stefania Santarelli, dirigente del Liceo scientifico sportivo di Rieti. Il Liceo, che in questo anno scolastico chiude il suo primo ciclo quinquennale, coniuga l’apprendimento delle regole e delle dinamiche economiche e societarie alla pratica di differenti sport, promuove i principi di una corretta educazione alimentare e sviluppa una…

Continua a leggere

CARESSE CROSBY AL CASTELLO DI ROCCA SINIBALDA

a cura di Andrea Scappa Caresse Crosby, scrittrice, intellettuale, e mecenate americana, conduce un’esistenza avventurosa, dedita al lusso, allo svago e alla bellezza. Caresse è una donna anticonformista: partecipa a film d’avanguardia, si unisce in seconde nozze con un milionario di Boston più piccolo di lei, pubblica con la sua casa editrice Black Sun Press…

Continua a leggere

TRA BORGO E CITTÀ. LA QUESTIONE DEL PONTE ROMANO SUL VELINO DAI PROGETTI SEICENTESCHI ALLA SOSTITUZIONE NEGLI ANNI TRENTA

a cura di Roberto Lorenzetti Il controllo delle acque è una tematica che sta assumendo una rilevanza sempre crescente nell’orizzonte di quella storiografia che tra gli altri obbiettivi tenta di porsi come momento di riflessione critica nella gestione presente della città e del territorio (1). La storia del ponte romano sul Velino si inserisce in…

Continua a leggere

IL TEATRO FLAVIO VESPASIANO DI RIETI: RICORDI DI BRENNO PADOVINI E ANITA PITONI

a cura di Andrea Scappa Brenno Padovini e Anita Pitoni, contagiosi con il loro temperamento frizzante, ci prendono per mano e ci accompagnano nel loro passato che si impasta con la storia centenaria del teatro Flavio Vespasiano di Rieti. Il teatro Flavio Vespasiano di Rieti, una delle tante sale all’italiana che punteggiano la nostra Penisola,…

Continua a leggere

L’AVVENTURA CINEMATOGRAFICA DI LINA CAVALIERI

a cura di Vittorio Martinelli  […] Il cinema italiano era ancora, agli inizi del 1915, il dominatore incontrastato degli schermi mondiali: li aveva conquistati con i kolossal di Guazzoni e Pastrane, li teneva ora saldamente con le grandi “dive”; dalla Bertini, i cui film venivano acquistati a scatola chiusa in numerosi paesi, a Lyda Borelli…

Continua a leggere